martedì 9 aprile 2013

Rosa di macchia

                                           
                                                  Rosa di macchia, che dall'irta rama
                                                   Ridi non vista a quella montanina.
                                               Che stornellando passa e che ti chiama
                                                                    Rosa canina.
                                                                                          G. Pascoli

La rosa canina (piacere e dolore, perchè sebbene abbia una dolce fragranza, è anche dotata di grandi spine) è una delle piante più longeve conosciute.
Si ritiene che la più antica, ancora vivente, si trovi in un convento in Germania e fu piantata da Carlo Magno nell'850.
Il suo profumo rimane anche dopo essere stata tagliata ed essiccata.
Il poeta settecentesco, George Herbert scriveva  in "Provvidenza": "Una rosa, al di là della sua bellezza, è una cura".
Anticamente, infatti, il suo frutto veniva usato dalle gentildonne per confezionare conserve, marmellate e crostate.
Ancora oggi, sotto forma di sciroppo ed altri preparati, viene somministrato ad adulti e piccini,per la sua grande ricchezza di vitamina C.          
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...